È uscito AutoCad 2017. E adesso?

Autodesk ha rilasciato Autocad 2017. Cosa cambia per il nostro videocorso?

immagine 01 - Autocad 2017AutoCad 2017: puntuale come ogni anno (attorno a marzo) Autodesk ha rilasciato la nuova versione del suo software più noto.

La domanda quindi sorge spontanea: vale ancora la pena iscriversi al corso di AutoCad che propongo nell’elenco dei videocorsi?

Per risponderti in maniera obiettiva ti rimando direttamente al sito AutoDesk, che ha messo a disposizione online un’apposita tabella comparativa per evidenziare le differenze rispetto alle precedenti release. Puoi vederla andando direttamente qui:

http://www.autodesk.it/products/autocad/compare/compare-releases

se deselezioni AutoCAD 2014 e 2015 potrai vedere un confronto diretto tra la nuovissima versione e la 2016. Io francamente ho faticato a vedere un segno di spunta assente nella 2016 e ti invito a fare lo stesso esperimento.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa cambia:

 

1) Sezione “-Interazione Utente”

immagine 02 - Autocad 2017
Nessuna miglioria

Commento: nulla da aggiungere


2) Sezione “-Innovativo”

immagine 03 - Autocad 2017

Migliorie apportate da Autocad 2017:

– Grafica 3D migliorata.

Commento:  Nelle videolezioni non viene trattato il 3D per cui nessun cambiamento ai fini del videocorso.


3) Sezione “-Semplificato”

immagine 03 - Autocad 2017

Migliorie apportate da Autocad 2017:

– Centri/linee d’asse intelligenti
– Nuove caratteristiche in evidenza

Commento: lieve miglioramento dell’usabilità dato dall’introduzione  di un particolare snap ad oggetto (miglioria davvero marginale), non affrontato nelle videolezioni per cui nessun cambiamento ai fini del videocorso.


4) Sezione “-Personalizzato”

immagine 04 - Autocad 2017

Migliorie apportate da Autocad 2017:

– Applicazione desktop per Autodesk
– Miglioramenti dello strumento di migrazione

Commento: nessuna variazione ai fini del videocorso (l’applicazione desktop non viene trattata come pure lo strumento di migrazione).


5) Sezione “-Connesso”

immagine 05 - Autocad 2017

Migliorie apportate da Autocad 2017:

– Condivisione del progetto
– 3D Print Studio
– Importazione PDF
– Snap ad oggetto del modello di coordinamento

Commento: come già ribadito nella presentazione, non vengono trattati temi relativi alla condivisione dei progetti e degli elaborati grafici o della stampa con le nuove stampanti 3D, data la natura di videocorso di base, per cui nessuna necessità di lezioni di aggiornamento. Idem per lo snap ad oggetto nel modello di coordinamento (funzione avanzata non trattata). Interessante invece (e molto attesa) la possibilità di importare direttamente dei file PDF. Nel videocorso mostro come importare un file JPG desunto da un PDF attraverso Photoshop (o qualsiasi altro programma di fotoritocco di base, come “Anteprima” per il Mac). Nulla che implichi una videolezione di aggiornamento, ma questa, finora, a mio modestissimo avviso, è la migliore novità introdotta.

 

Conclusioni

In risposta alla domanda iniziale (se valga ancora la pena iscriversi al videocorso di base di AutoCad 2016 dopo che è uscita la versione Autocad 2017) mi sento di rispondere in tutta franchezza con un grande..

SI!!!

Le migliorie apportate riguardano infatti solo aspetti avanzati (come il miglioramento delle prestazioni in 3D, la condivisione del progetto in ambito teamwork, il miglioramento di alcuni snap ad oggetto) ma nulla di nuovo sul fronte delle funzioni di base e sull’interfaccia grafica, cui è stata aggiunta una modalità in visione “dark” che, secondo quanto sostiene AutoDesk, dovrebbe contribuire a non stancare la vista durante un uso prolungato del software..

Attendiamo dunque cosa ci riserverà la versione 2018 per valutare un eventuale restyling del videocorso proposto su questo sito.. perché la 2017, a conti fatti, sembra molto più una “minor release” che forse non giustificava nemmeno un salto di anno..
Forza AutoDesk.. puoi fare di molto meglio!!!

Condividi subito questo articolo se ti è stato utile! Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin